Israele e Giordania, gli albori della civiltà

Un viaggio nel tempo lungo il filo della storia, 12 giorni per incontrare le radici della spiritualità nei luoghi delle grandi religioni.

Non solo l’arte e l’archeologia, ma anche gli aspetti paesaggistici di Israele e Giordania: il Wadi Rum, le alture del Golan e il Mar Morto. I mezzi di trasporto utilizzati sono vetture, minibus o bus a seconda del numero di partecipanti. Quando partire? Le stagioni ideali per il viaggio sono la primavera e l’autunno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

GIORNO 1 ITALIA - TEL AVIV - GERUSALEMME

Partenza con il volo per Tel Aviv. Arrivo, trasferimento a Gerusalemme e sistemazione in hotel.

GIORNO 2 GERUSALEMME

Giornata dedicata alla scoperta di Gerusalemme, crocevia tra Oriente ed Occidente con i luoghi sacri a tre grandi religioni monoteiste: ebraica, cristiana e musulmana. Ascesa al Monte degli Ulivi con vista sull’intera città. Proseguimento per il Monte Sion, il Muro Occidentale ed il Cardo, la principale strada romana durante il VI secolo. Passeggiata nella Città Vecchia: la Chiesa del Santo Sepolcro nel sito in cui Gesù è stato crocifisso e sepolto e la Via Dolorosa, che termina sulla collina del Calvario o Golgota.

israelegiordania1

GIORNO 3 GERUSALEMME - ESCURSIONE A BETLEMME

Visita della città nuova con i monumenti e memoriali della storia antica e recente d’Israele, del Museo di Israele e del Yad Vashem, il museo dedicato al ricordo dell’Olocausto. Si prosegue con un escursione a Betlemme, visita della Basilica della Natività, costruita sulla grotta dove la tradizione vuole sia nato Gesù, e Piazza della Mangiatoia, centro nevralgico della città. Rientro in hotel a Gerusalemme.

GIORNO 4 GERUSALEMME - QUMRAN MASSADA - MAR MORTO

Partenza in direzione del Mar Morto con visita lungo il percorso delle grotte di Qumran, dove sono state rinvenute le rovine del monastero degli Esseni e i preziosi rotoli del Mar Morto. Proseguimento per Massada, fortezza costruita nel 35 a.C. da Erode il Grande sulla cima di una montagna che domina il paesaggio e raggiungibile con una funivia. Arrivo sulle rive del Mar Morto che, con i suoi 395 metri sotto il livello del mare, rappresenta la zona più depressa della superficie terrestre; un paesaggio quasi irreale, con le sue acque immobili per l’elevato tasso di salinità. Sistemazione in hotel.

GIORNO 5 MARMORTO - VALLE DEL GIORDANO BEIT SHEAN - ZIPPORI - TIBERIADE

Partenza verso la fertile Valle del Giordano raggiungendo Beit Shean, con il suo grande anfiteatro romano. Proseguimento per Zippori, oggi un parco archeologico, dove secondo la tradizione nacque Maria. Arrivo a Tiberiade, sull’omonimo lago, e sistemazione in hotel.

GIORNO 6 TIBERIADE - ESCURSIONE A SAFED, BANIAS E ALLE ALTURE DEL GOLAN

Ci inoltriamo nell’Alta Galilea con un’escursione a Safed, principale centro della Kabbalah. Passeggiando nei vicoli di arenaria della città sarà possibile ammirare le sinagoghe e il quartiere degli artisti. Proseguimento per Banias, l’antica Cesarea di Filippo. Raggiungiamo quindi uno dei luoghi più affascinanti del Paese, le alture del Golan, territorio dalla straordinaria varietà di paesaggi, occupato da Israele nel 1967 ed annesso allo Stato nel 1981. Al termine delle visite rientro a Tiberiade.

GIORNO 7 TIBERIADE - CAFARNAO - TABGHA MONTE DELLE BEATITUDINI - AMMAN

Visita di Tiberiade e partenza per Cafarnao, il villaggio di pescatori centro della predicazione e del ministero di Gesù in Galilea, dove si visita la sua sinagoga. Proseguimento per Tabgha dove sorgono le chiese del Primato e della Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci. Sempre sulle rive del lago di Tiberiade visiteremo il Monte delle Beatitudini, da cui Gesù declamò quello che viene chiamato il “Discorso della montagna”. Si procede alla volta della Giordania con passaggio della frontiera a Sheikh Hussein. Arrivo ad Amman (90 km: un’ora e mezza circa) e sistemazione in hotel.

GIORNO 8 AMMAN - ESCURSIONE A UMM QAIS, JERASH E AJLUN

Partenza per Umm Qais (120 km: un’ora e mezza circa), nei cui pressi sorgono le rovine dell’antica Gadara. Proseguimento per Jerash (80 km), l’antica Gerasa, le cui rovine sono considerate tra le meglio conservate delle città ellenistico-romane del Vicino Oriente. Fondata probabilmente da Alessandro Magno nel IV secolo a.C. su un precedente insediamento, in epoca romana Gerasa fu annessa alla provincia della Siria, entrò nella Lega della Decapoli e fu importante centro di commerci con i Nabatei di Petra. La maggior parte dei monumenti, fra i quali spiccano per raffinatezza il Foro, il Teatro, il Tempio di Artemide e la splendida Via delle Colonne, risalgono al II secolo d.C. Con un percorso di 22 chilometri si raggiunge Ajlun dove sorge l’imponente castello di Rabadh, edificato nel XII secolo per proteggere le vie carovaniere ed i pellegrini dall’avanzata dei crociati. Rientro in serata ad Amman.

GIORNO 9 AMMAN - MADABA - MONTE NEBO EL KERAK - PETRA

Partenza per Madaba (32 km: mezz’ora circa) per ammirare il famoso mosaico della mappa della Palestina, all’interno della chiesa di S. Giorgio. Salita nelle vicinanze al Monte Nebo dalla cui sommità, secondo la tradizione biblica, Mosè poté osservare la Terra Promessa. Ancora oggi, nelle giornate particolarmente limpide, lo sguardo spazia dalla Valle del Giordano, all’oasi di Gerico e alle cupole di Gerusalemme. Proseguimento per El Kerak (86 km: un’ora circa) con l’imponente castello, uno dei maggiori esempi di architettura militare crociata. Il viaggio ci conduce a Petra (142 km: un paio d’ore circa), città mitica che folgorò Lawrence d’Arabia. Sistemazione in hotel.

10-7  TUCANO 04

GIORNO 10 PETRA, LA CITTÀ ROSA DEI NABATEI

L’esperienza più affascinante di un viaggio in Giordania è senz’altro la scoperta di quest’antica città sorta su una delle più importanti strade commerciali della storia: la Via dell’Incenso e delle Spezie, dove per cinque secoli transitarono le carovane con la mirra e l’incenso per gli altari del mondo ellenistico e romano. I Nabatei, nomadi di origine semitica insediatisi in questa regione nel VI secolo a.C., si arricchirono con i pedaggi imposti alle carovane divenendo così potenti da estendere il proprio dominio sino a Damasco, e la loro capitale raggiunse momenti di grande splendore. I palazzi, le tombe monumentali ed i templi, che all’alba e al tramonto creano scenografie di straordinaria bellezza, caddero nell’oblio con l’avvento delle rotte commerciali marittime per poi essere riscoperti nel 1812 ad opera dell’esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt. Alla leggendaria città intagliata nella roccia rosa si accede attraverso il Siq, una stretta fenditura che si snoda per oltre un chilometro tra scoscese pareti di arenaria.

GIORNO 11 PETRA - BEIDA - WADI RUM - MAR MORTO

Partenza per Beida, anche conosciuta come “Piccola Petra”, insediamento preistorico risalente al Neolitico (7000 a.C.). Gli scavi archeologici hanno rilevato l’esistenza di sei diversi livelli di abitazione con quattro tipi di architettura, ognuno dei quali con caratteristiche proprie. Proseguimento per il Wadi Rum (45 km): in questo ambiente di suggestiva bellezza, protagonista delle imprese di Lawrence d’Arabia, si potranno osservare graffiti rupestri. Si prosegue raggiungendo le rive del Mar Morto, 395 metri sotto il livello del mare, con il suo paesaggio quasi irreale e le acque immobili per l’elevato tasso di salinità. Sistemazione in hotel.

GIORNO 12 MAR MORTO - AMMAN - ITALIA

Al mattino molto presto trasferimento in aeroporto e partenza con il volo per l’Italia, con arrivo nel pomeriggio.

Leave a Reply

*

captcha *